Il “sostegno a distanza” è un atto di solidarietà, un aiuto consapevole, un gesto di libera e solidale condivisione con chi è nel bisogno. Consiste nell’impegno morale ad inviare, tramite referenti responsabili, un contributo economico stabile e continuo, del cui uso il donatore riceve sempre riscontro.
Il “sostegno a distanza” è rivolto di solito a minori bisognosi d’aiuto senza nessuna distinzione di religione o di culture politiche locali. Grazie a questa forma di solidarietà è possibile aiutare i bambini nel nutrimento, nelle cure mediche, nell’istruzione strappandoli allo sfruttamento infantile, garantendo loro un futuro dignitoso, senza costringerli a lasciare la propria famiglia e la propria terra.

Le organizzazioni che operano nel “sostegno a distanza”, devono anche sviluppare un’informazione multiculturale, con un’azione concreta di politica sociale, dando voce ai minori, adulti, famiglie, comunità costrette a vivere in situazioni difficili, con culture e società diverse, promovendo l’interscambio, il rispetto reciproco, valorizzando la persona nella dignità dentro ogni contesto e cultura.
COME SOSTENERE        Con 42 centesimi al giorno puoi dare ad un bambino la possibilità di affrontare il domani con maggiore serenità e sicurezza.
La quota annuale è di euro 155 e viene interamente versata alla missione dove si trova il bambino. Le spese di gestione (postali e di segreteria) vengano finanziate con altre risorse.
Il versamento viene fatto su c/c postale all’inizio di ogni anno. La quota, essendo la nostra associazione una  ONLUS (Organismo Non Lucrativo di Utilità Sociale), è detraibile dall’Irpef.
A chi richiede di sottoscrivere un “sostegno a distanza” viene presentata (o inviata) una scheda del bambino/a, una scheda informativa della missione, una scheda di adesione da compilare e restituire. L’impegno del sostegno non è vincolante, quando non si vuole più rinnovare basta restituire, con preavviso, la scheda con fotografia.
La nostra associazione ha sottoscritto: la “Carta della donazione” (un codice d’autoregolamentazione della raccolta fondi nel noprofit); la “Carta dei principi per il Sostegno a Distanza” emanata dal promotore del secondo Forum nazionale per il Sostegno a Distanza e la “Carta dei Criteri di Qualità del sostegno a distanza”, promossa dal Comitato Promotore del quinto Forum Nazionale SAD.
Se sei interessato ad aiutare un bambino con il sostegno a distanza o per qualsiasi ulteriore chiarimento telefona 015 380 308 99

RESPONSABILE DEI SOSTEGNI A DISTANZA SIG. CARLO PEDRAZZO  pedrazzo.sostegni@amicibiellesi.it